Ricerca scientifica

La natura nel senso di vita: dai vaccini alla vitamina D e alla collagenopatia carenziale

È stata una sorta di ubriacatura, anzi di follia collettiva della maggioranza di noi ricercatori, o scienziati come amiamo chiamarci. Mi riferisco all’idea che nei nostri laboratori potessimo inventare farmaci paragonabili a quelli racchiusi nel nostro organismo. L’avrei capito nei maestri del passato, che non disponevano di conoscenze biologiche paragonabili alle nostre, ma non oggi. Ne parla un docente universitario a riposo, che non ha resistito al fascino del WEB: non tanto per la platea che gli mette a disposizione, quanto piuttosto perché gli consente di aprire un dibattito con l’uomo della strada e col medico di base, oggi più aperti e reattivi ai mutamenti della scienza ufficiale.

Gli unici farmaci capaci di debellare per sempre una malattia sono stati inventati dalla natura intesa nel senso di vita, nel corso del processo evolutivo che in alcuni miliardi di anni le ha consentito di sviluppare un armamentario terapeutico stupefacente. Prendiamo le infezioni, ad esempio.

Potrebbe interessarti anche